mercoledì 29 aprile 2015

P2 Cosmetics:nuovi marchi e un appello per Essence!

Ciao girls!
Prima di tutto volevo ringraziare tutte voi che state leggendo questo post e che avete letto gli altri. Siamo ancora poche, ma ribadisco ancora una volta che non essendo un'esperta del settore, ma solo una grande appassionata, chiunque all'interno del blog può sentirsi libero di dire la sua, dare consigli o semplicemente esprimere il suo parere sull'argomento.
Mi piace l'idea di condividere questa passione con altre persone, qualunque sia la loro età e la proveninenza geografica.
E a proposito di luoghi, prima di avvicinarmi al mondo delle unghie e del trucco, non immaginavo che esistessero così tanti marchi che gli gravitassero intorno. Ancor più se si pensa poi che il discorso va verso un universo quasi infinito  se lo estendiamo fuori dai confini dello stivale!
Vi ho già accennato del brand P2 COSMETICS, ma ho preso qualche informazione in più e volevo condividerla.
Il brand low cost arriva dalla Germania e solo recentemente è approdato in Italia, nei negozi Oviesse per lo più.
Io ho trovato solo il reparto unghie al momento, ma non escludo che a breve, se il marchio dovesse trovare fortuna, possa ampliarsi anche con la sua gamma trucco.
Questo è lo stand di un negozio Oviesse della mia città.


La scelta dei colori è vasta, e anche la tipologia è suddivisa in:

- Color Victim: asciugatura rapida e finish lucido, stesura facilitata dal pennello piatto - 2,29 euro per 8ml
- Volume Gloss Gel Look: volumizzante, effetto gel (non per durata, ma per aspetto lucido) - 2,99 euro per 12 ml
- Last Forever: resistente, extra lucido, pennello rotondo e durata pubblicizzata fino a 8 giorni (proveremo per credere!) - 2,49 euro per 11 ml

Oltre queste tre macro-categorie esistono poi quelli con finish particolari:

- Sand Style: da loro stessi definito "bizzarro" per l'effetto, assicurano anche qui una tenuta lunga - 2,99 euro per 10 ml
- Leather Matte: effetto simile alla pelle o al cuoio - 2,99 euro per 10 ml
- Lost in Glitter: l'unico per cui non consigliano di applicare un top coat perchè la finitura è già abbastanza brillante e la tenuta dovrebbe essere buona - 2,99 euro per 10 ml

Ciò che è più interessante però è per me la linea "curativa" (nel senso di prendersene cura non di guarire!) su cui mi soffermerò in un post successivo, perchè ho comprato qualcosa e prima di parlarne voglio fare qualche prova.

Prima di chiudere (ebbene si, oggi non sarò logorroica!), volevo fare un appello a tutte le ragazze che leggeranno questo post, con l'invito a condividere la cosa con le loro amiche, parenti, conoscenti e vicine di casa!
So che troverò d'accordo con me più di una persona nel dire questo: perchè cavolo quando si va da Sephora facciamo le signore, entriamo quasi in punta di piedi e quasi non ci azzardiamo a mettere le mani negli espositori Dior, Yves Saint Laurent & Co. , e invece quando ci troviamo di fronte allo stand Essence, dobbiamo aprire e provare tutti i prodotti (senza neppure comprarli poi!)?
Tolto il fatto che aprire un prodotto vuol dire dargli il primo giorno di vita in termini di scadenza e quindi non andrebbe fatto (salvo acquistare la stessa confezione ben inteso!), c'è anche un discorso di civiltà nel mezzo.
Giusto per farmi capire mettiamo qualche foto...



 
Come vedete il problema principale riguarda gli smalti. E' vero che non ci sono tester e neppure lo scotch (come da Kiko o da Wycon), ma questo non ci dovrebbe autorizzare a impattaccare tutto l'espositore.
Ora, considerando che ogni smalto costa 1,19 euro, non credo ci sia tutta questa necessità di testarne finitura e colore...non facciamo i braccini corti e compriamolo, che se anche non fosse proprio come lo volevamo, a comprarne un altro non andiamo in rovina di sicuro!
E se aprite un mascara per vedere lo scovolino (che in ogni caso è disegnato sull'espositore, ma ahimè qualcuno ci ha passato lo smalto e non si vede!), sappiate che se non lo comprate, chi lo farà dopo di voi avrà in mano un prodotto aperto chissà quanto tempo prima, quindi potenzialmente glielo avrete rovinato voi. A parti invertite la cosa vi farebbe un pò girare le scatole, oppure attribuireste la cattiva riuscita del prodotto al marchio.
E non pensiate di risolvere il problema prendendo il prodotto più in fondo perchè le commesse puntualmente portano avanti i vecchi prodotti e mettono dietro gli altri! 
La cosa peggiore è che poi lo stesso comportamento si sposta anche sugli espositori di Deborah Milano, Shaka, Mavala etc...

Se riusciamo ad essere civili e carine da Sephora, sicuramente potremo esserlo anche da Oviesse!

Con questo è tutto! Un ciao a tutte e alla prossima!
Ps: se poi avete voglia di lasciare un commento o condividere sui vostri social a me non dispiacerà!




giovedì 23 aprile 2015

Ultimi acquisti make up e unghie e nailart semplice

E' un pò che pensavo a questo post, a quali prodotti avrei incluso e quali invece da ultimi acquisti erano diventati secondi! Si perchè poi, a furia di far passare il tempo ne ho comprati altri e i primi quasi non li ritenevo più delle novità.
Diciamo che alla fine sono arrivata a considerare che tutto sommato era un vantaggio, perchè oltre ad averli comprati, provandoli mi sono fatta anche un'idea della qualità.
Partiamo da un collage.
Nella cornice ho incluso una spugnetta da sfumatura simile alla famosissima Beauty Blender di cui tanto si sente parlare. Io ho  approfittato del Cosmoprof per comprarne una che ci assomiglia per forma e utilizzo, ma differisce sicuramente nel prezzo. L'originale ha un costo di 16,90 euro, mentre questa appena 5 euro.
Non avendo mai usato l'originale non so che differenze ci siano nell'applicazione dei prodotti. Però mi sono fatta un'idea di come lavori la mia ed è assolutamente fantastica! Da bagnata diventa un pò più grande e l'unica seccatura è che bisogna lavarla subito dopo averla usata se no diventa schifoso usarla la seconda volta! Ma dopo aver messo il fondotinta con questa è difficile tornare indietro. Certo dipende dalla consistenza del fondotinta, ma per quello che sto usando io in questo momento va benissimo.
Ciò significa che quando sarà arrivato il momento di salutarla perchè sarà invecchiata, so già che non avrò mezzo dubbio nel passare all'originale.
In tema di fondotinta, ho deciso di provare uno dei nuovi usciti questo inverno in casa PUPA e dopo averlo provato diverse volte, sia con giornate più fredde che in quelle ultime più primaverili, devo sicuramente promuoverlo. Ho leggermente cannato la tonalità (errore mio, ma non così clamoroso), ma la tenuta è ottima, non lucida la pelle e si stende molto facilmente. Il prezzo è di circa 17 euro (dipende da dove lo si acquista, perchè da Tigotà l'ho visto anche a 15). Nello specifico è il MADE TO LAST, nella tonalità 020.
Altro prodottino make up su cui invece ho trovato pregi e difetti è il mascara Scandaleyes Extreme di Rimmel London.
Il difetto è che le prime volte che l'ho utilizzato mi ha fatto un pò lacrimare gli occhi e l'applicazione era un pò particolare, non esattamente immediata da capire.
Lo scovolino è piatto da un lato e arrotondato dall'altro. Nel momento in cui capisci da quale dei due partire devo dire che non è malaccio. Non volumizza sicuramente, ma allunga e definisce le ciglia in maniera piuttosto evidente, avendo tra l'altro un'ottima tenuta (zero sbavature).
Il prezzo non lo ricordo perchè è uno dei famosi prodotti comprati da un pò (forse due mesetti).
Ultimissimo arrivato in casa è invece il meraviglioso pennello da sfumatura di KIKO, numero 213.
Usato solo tre volte al momento, me ne sono già innamorata. Ha setole morbide e compatte e permette di ottenere una buona sfumatura senza dover penare troppo. Il prezzo è di 9,90 euro.
Nel riquadro in basso della cornice ho inserito gli ultimissimi smalti, tutti già provati.
Parto da quelli che non mi sono piaciuti. Dell'edizione limitata Cinderella di Essence ho preso, partendo da sinistra il numero 03 Prince Charming e 02 Bibbidi-bobbidi-boo.


Lo 03 è un azzurro con sfumature tendendi al grigio, che visto dalla boccetta sembrava molto carino, applicato perde tantissimo e non sembra molto elegante, nè richiama la cara Cinderella. Lo 02 è un perlato...matt! Abbianamento stranissimo perchè di solito i matt non hanno sfumature. Questo si! Come abbiano fatto non lo so. Fatto sta che non ricomprerei nè il primo nè il secondo perchè entrambi sulle unghie danno un effetto che nel complesso non sa di nulla.
Gli ultimi tre acuqisti invece sono assolutamente promossi.
Si tratta di due smalti della marca (a me sconosciuta fino a quel momento) P2.
Il verde menta è un effetto volume con cui ho realizzato la nail art di cui posto una foto sotto, mentre il lilla ha come caratteristica la velocità nel tempo di asciugatura (metto una foto anche per questo anche se l'utilizzo è circoscritto a parti più piccole).
Entrambi hanno avuto anche una durata soddisfacente (circa 4 giorni in buone condizioni) e il prezzo è decisamente basso. Penso di averli pagati intorno ai 2,50 euro ciascuno. Si trovano da Oviesse e forse anche da Coin. Leggendo qualcosa su internet ho scoperto che la casa produttrice dovrebbe essere tedesca e ha anche una linea make up.
Staremo a vedere se otterrà successo anche da noi. Io spero di si perchè gli smalti mi sono proprio piaciuti.
Numero 130 Fresh sister
Numero 502 Pretty little thing













Ultimissimo (acquistato tre giorni fa) è il bellissimo 290 di KIKO, della linea permanente: un color ciclamino che in questa stagione sta divinamente. Pagato 1,90 euro perchè erano in offerta, ho realizzato la nail art semplice, ma a mio parere molto elegante e carina che metto sotto.
Per farla ho steso una base protettiva di Essie,











poi lo smalto in una sola passata perchè era già coprente e uniforme,
e ho realizzato poi il decoro con lo striping e i brillantini.









Ultimo, il top coat effetto gel di Essence con cui mi sto trovando più che bene.
Si stende facilmente, asciuga in fretta e fa durare lo smalto un pò più del solito.
Non è difficile da rimuovere e spero vivamente che non si addensi presto come fanno la maggior parte dei top coat effetto gel che ho provato (Kiko gel effect, Mi-Ny Fast dry etc...)







Penso che questo sia il post più lungo che abbia scritto finora. Per i prossimi cercherò di essere più concisa! Promesso!
Fatemi sapere cosa ne pensate (anche se vi fanno schifo).
Ciao a tutte!




domenica 19 aprile 2015

Da Parigi: test Mesauda e souvenir by Sephora

Eccomi qua, di ritorno da una bellissima settimana di vacanza nella Ville Lumière.
Solo chi è stato a Parigi sa che sensazioni evoca e che emozioni si vivono in alcuni dei suoi luoghi.
Non mi soffermerò però sul lato artistico e culturale della vacanza, sopratutto perchè non è il luogo adatto per farlo.
Vado direttamente al tema più frivolo, ma sicuramnte più adatto al tema del blog e arrivo lì... dove una ragazza entra e viene assalita da una marea di profumi, colori e immagini. Tanto da non sapere dove guardare, perchè è tutto troppo!
SEPHORA! Direttamente sugli Champs-Elisèe! Pareti e scaffali dove Chanel, Dior, Yves Saint Laurent, facevano bella mostra di sè. E poi il make up: Urban Dekay, Make Up Forever, Benefit, Too Faced...tutto quello che avevo visto sempre e solo su You Tube era tutto là, illuminato da faretti sicuramente messi lì ad arte per farti desiderare ogni cosa su cui si posava il tuo sguardo!
Nella città in cui abito il negozio di Sephora è talmente piccolo che è lì più per rappresentanza che per altro!
Il problema però, di quando hai tutta quella meraviglia davanti, è che non sai decidere quale sia la più bella, quella che userai davvero e di certo non le puoi comprare tutte.
Io volevo che il ricordo di questa profumeria parigina fosse racchiuso dentro qualcosa che durasse nel tempo e avesse qualche particolarità.
E dunque se la sensazione provata all'interno di Sephora è stata come quando sei davanti alla vetrina di una pasticceria e non sai decidere quale dolce mangiare perchè ti piacciono tutti, ho pensato che la scelta più logica era prendere proprio lei: il riassunto della dolcezza, dell'immagine per eccellenza della bontà!

La CHOCOLATE BAR di TOO FACED!
Un dolce profumo di cioccolato e ombretti con cui potresti fare un trucco diverso per ogni occasione!
Mi sembrava la scelta più ovvia! Ora non ho che da provarla ed eventualmente postare qualche immagine della sua messa all'opera!
Staremo a vedere dunque!

Cambiando argomento!
Ho provato per la prima volta uno smalto della Mesauda Milano, con relativo top coat.
Il rivenditore da cui l'ho acquistato mi ha detto che l'effetto sarebbe stato più o meno quello di un semi-permanente e che come durata andava più o meno sui 10 gioni.
Il costo di smalto e top coat era di 15 euro, per cui ho deciso che si poteva provare.
Ovviamente niente vieta che il top coat possa essere poi utilizzato con smalti di altre case, per cui l'acquisto è comunque sensato!




L'applicazione è facilissima, senza sbavature, striature etc...
La prima passata non è del tutto soddisfacente, meglio farne due.
Anche senza top coat lo smalto è molto lucido e luminoso, un bell'effetto vetro che nulla ha da invidare ai semi-permanenti.

Dall'immagine purtroppo non si apprezza molto la qualità del colore, ma dopo aver messo il top coat era davvero piuttosto brillante.

Applicato il giorno prima di partire per Parigi, ho voluto vedere
quanti giorni avrebbe resistito, tra viaggi in metro, treni, aerei e così via.


Dunque, dopo circa 6 giorni, queste erano le mie unghie.
Per me non male! Anche perchè il grosso delle screpolature son venute fuori il giorno prima.
In generale è assolutamente promosso, anche se i famosi 10 giorni non so come potrebbe raggiungerli: nella vita di tutti i giorni, tra faccende domestiche e tastiera del pc a lavoro, difficilmente uno smalto normale può durare (senza rabbrividire quando lo si guarda), più di 4/5 giorni.
Poi non so se sia così per tutte, ma io ho le unghie piuttosto fragili, che tendono a sfaldarsi facilmente e di frequente, per cui lo smalto non dura tantissimo (purtroppo).

Detto ciò, ci risentiremo prestissimo perchè poco prima di partire per la Francia ho fatto un pò di acquisti, sia nel reparto nails, che in quello make up e ho proprio voglia di parlarne!

Alla prossima! Ciao!

venerdì 10 aprile 2015

Prodotti provati, finiti, promossi e bocciati!

Non avrei aperto un blog se non mi piacesse acquistare cosmetici per gli usi più svariati. Un pò come gli uomini vanno matti per auto, moto, pc, telefonini, tablet etc...io sono incuriosita dall'universo del beauty e finchè posso mi piace provare cose nuove.
Quello che non mi piace è sprecare i prodotti, per cui prima di comprare qualcosa di nuovo di solito cerco sempre di finire ciò che ho.
Ovviamente hanno fatto eccezione quelli che hanno provocato reazioni allergiche, seppur lievi, cosa che fortunatamente è capitata di rado e non nel breve periodo.
Non mi curo tantissimo degli ingredienti: non sono una fanatica del "bio a tutti i costi" e anzi a dire il vero le rare volte che ho provato qualcosa di ultrabio, non è che mi ci sia trovata benissimo (vedi shampoo all'olio di argan di una famosissima casa erboristica che non so come finire....di sicuro non come shampoo perchè mi fa i capelli stopposi come le setole della scopa della befana!).
Questi di cui parlo sotto sono un pò dei prodotti che ho finito ultimamente.

Nel MAKE UP  (con intruso anche un prodotto per capelli):

 Parto da ciò che mi è piaciuto e ricomprerei sicuramente: le salviettine struccanti dell'Acqua alle rose! Prodotto Made in Italy, con ingredienti naturali e senza alcool, non brucia gli occhi, strucca bene (per la quantità di trucco che metto io) e una salvietta è sufficiente per l'operazione pulizia.
Ha una fragranza alle rose (ma toh!?) che può piacere come no, lì dipende un pò dal naso!
Costa leggermente di più rispetto alle altre, poco più di 3 euro per 20 salviettine, ma per me ne è valsa la pena.

Anche con questa crema non mi sono trovata affatto male: Skin Perfection di L'Oreal. Assolutamente no-bio, ma su di me non ha dato nè allergie, nè brufoli o altro. E questo che ho appena finito era il secondo vasetto consecutivo che compravo. Il costo è quello medio per una crema viso di questa marca.

Questo di fianco l'ho finito (prosciugato in realtà) già da un bel pò di tempo, ma lo tenevo in attesa di finire qualcos'altro...e nel frattempo ho finito anche quello che avevo comprato dopo!
Fondotinta compatto di Naj-Oleari. Credo non sia neanche più in commercio perchè l'ho acquistato l'anno scorso e la profumeria dove l'avevo preso non ce l'ha più (o magari ha semplicemente cambiato la confezione!).  Da quanto ho raschiato i bordi si intuisce che mi sia trovata benissimo: coprenza giusta, senza effetto maschera di cera. Nessun problema di allergia e buona tenuta.

L'altro fondotinta terminato, che non ricomprerei perchè non mi è piaciuto tantissimo è lo Skin evolution di Kiko. Promette lunga tenuta ed effetto levigante.
Per il mio viso invece è stato un pò pesante (nonostante sia fluido) e l'effetto in generale non era eccezionale. Avendo io la pelle mista è probabile che non fosse in sè il fondotinta scarso, ma che non andasse bene proprio per il tipo di pelle: effetto lucido dopo poco tempo dall'applicazione e con su anche la cipria!

Ultimo prodotto make up è stato il fard cotto di Astra. Primo e unico prodotto mai acquistato di questa marca, non lo ricomprerò di sicuro. Non che non mi sia piaciuto, ma mi ha lasciato un pò indifferente. C'è da dire che non vado matta per i blush, però questo era un pò ...diciamo insipido!

Sono rimasti lì giusto i bordi che ormai non vengono neanche più su con il penello, ma direi che la sua vita l'ha fatta per cui ci possiamo salutare!

Ultimo prodotto, stavolta linea capelli, quello sconosciuto, adorato, amato e irreperibile in questa città (almeno per quanto ne so io!) è l'olio per capelli della linea My Salon - Gocce leviganti. 


In questo caso i siliconi probabilmente la fanno un pò da padroni, ma se vi dico che persino il parrucchiere è rimasto scioccato dal fatto che dopo 12 mesi (ebbene si) in cui i miei capelli non vedevano una forbice, non avessi una doppia punta potete crederci!
Non appesantisce assolutamente i capelli (anche perchè ne bastano veramente due gocce) e li protegge proprio dalle rotture, preservando sopratutto le punte.
Io avendo i capelli molto lunghi lo distribuisco sui capelli bagnati a circa 5 cm dalla fine del capello (quindi solo sulle punte) e ora manderò mia madre in missione nel negozio che glielo ha venduto la prima volta e che purtroppo si trova a moooolti km di distanza da qua!

Nel reparto UNGHIE:

- Solvente senza acetone di Kiko (Gentle): prodotto che continuo a ricomprare ogni volta che finisco una boccetta, mi piace perchè non puzza, non danneggia l'unghia, non la secca e fa molto bene il suo dovere di leva-smalto!
- Base attiva crescita di Pupa: qui mi ci devo soffermare un attimo. Come base pre-smalto è ottima, perchè si stende bene e asciuga in un attimo. Sul nome magari rivedrei qualcosa perchè io tutta questa attivazione non l'ho notata. C'è da dire che è proprio difficilmente misurabile per cui mi fermerei proprio alla sua funzione di base! Comunque la ricomprerei (non l'ho ancora fatto perchè ne ho un'altra in pista!).
- Fissatore brillante smalto di Pupa: anche qui diciamo che il nome inganna un pò, almeno per quella che è stata la mia esperienza. Come top coat fa potenzialmente più danni che altro, perchè si trascina via lo smalto o peggio la nail art (su cui ci si perde un pò più di tempo di solito).
Io l'ho finito utilizzandolo come fissatore non dello smalto come vorrebbe il nome, ma delle perline, borchiette, paillettes etc. Lì non lo batte nessuno! E infatti ne ho un'altra boccetta che uso solo con questo scopo! ... (in realtà era all'interno di un kit, altrimenti non so se l'avrei ricomprato).
- Fast dry drops di Pupa: comprate per la seconda volta, velocizzano un pò i tempi di asciugatura dello smalto e sono molto comode se bisogna dare due passate per ottenere più coprenza dal colore.
Non fanno miracoli per cui quando ci si mette lo smalto bisognerebbe comunque prendersi il tempo sufficiente per consentirgli di asciugare come si deve!

E con questo è tutto. Se volete fatemi sapere se avete provato gli stessi prodotti, e come vi siete trovate.
Alla prossima! Ciaoooo!

mercoledì 1 aprile 2015

Partiamo dal Cosmoprof

Devo necessariamente far partire da qui il secondo post del blog, perchè la decisione di aprire questa raccolta di impressioni inesperte, ma sicuramente oneste, è arrivata proprio dopo la giornata a  Bologna.
Giornata faticosissima, ma divertente e diversa dal solito.
Io, nonostante i mille consigli sull'evitare la domenica come giorno per fare questa esperienza, specialmente per la prima volta, non ho potuto far altro che scegliere quel giorno....senza pentirmi tra l'altro!
E' andata molto meglio di quanto mi aspettassi.
Alla fermata degli autobus c'era il mondo intero, ma avevano una frequenza talmente alta che non abbiamo aspettato più di 5 minuti per partire.
La coda all'ingresso andava veloce e una volta dentro non abbiamo dovuto fare altro che cercare il primo padiglione: il 36!
IL REGNO degli smalti, dei gel, degli acrilici, e di tutto ciò che fa parte del mondo MANI-UNGHIE era lì...accompagnato da un lievissimo odore di acetone a cui però dopo circa 5 minuti ci si assuefaceva, si perdeva sensibilità al canale olfattivo e quindi problema risolto!
Da lì ci siamo spostate anche sui padiglioni dedicati al make up, ai capelli e all'estetica in generale, ma era tutto talmente immenso che vedere tutto in un giorno solo sarebbe stata un'impresa titanica!
L'unico stand all'uscita del quale c'era una fila inumana era quello di Make up Forever (La Truccheria). Io e le altre due compagne d'avventura abbiamo semplicemente bypassato la cosa per evitare di perderci una mattina o un pomeriggio!
Il fatto che alla domenica tantissimi stand non vendessero i loro prodotti è stato inizialmente deludente...poi a ben pensarci questa cosa ha salvato i nostri portafogli, per cui anche qui non abbiamo potuto constatare altro che il lato positivo della faccenda!
Son rientrata a casa con la schiena a pezzi e piena di borse, borsine e depliant vari.
Le cose per cui ho scelto di spendere qualche soldo sono state sopratutto smalti (3 China Glaze, 1 Peggy Sage, 2 Marca Ignota). Essence ne regalava uno a chi aveva voglia di fare la fila (noi!) per prenderselo nel distributore automatico (che neanche la mattina in ufficio per il caffè sopporti quell'attesa!). 
Da sin: Designer satin, Paint the town red, Customkicks
Kristel

Da China Glaze, con l'acquisto di due smalti (pagati cica 5 euro l'uno), il terzo era in omaggio. Potevo dire di no? Non credo proprio!

Quello Peggy Sage mini taglia è stato un acquisto prova, perchè non ho mai provato questa  marca e per poco più di due euro si poteva fare!

Dello smalto Essence e dei due senza marca (la marca c'è...è solo che è realmente sconosciuta!) non c'è da dire granchè per cui passerei oltre.

In uno stand sempre di marca ignota, almeno per me, semplice inesperta, ho acquistato una simil BEAUTY BLENDER alla modica cifra di 5 euro.
Anche in questo caso l'acquisto è stato dettato più dalla curiosità di provarla che dalla reale necessità.
Di questa posso già dire che sono ultra soddisfatta: nonostante la mia tendenza a fare guai, usarla non è affatto complesso (il risultato poi è un altro discorso, s'intende!).

Ultimo acquisto alla stand di Cinecittà. Non conoscevo il marchio e sono andata in fiducia. Stando alla prima impressione ci si poteva perdere quasi la testa in mezzo a tutti gli ombretti, polveri, pennelli etc...ma non sapendo poi l'esito alla prova dei fatti (ore 7 del mattino, luce artificiale, ancora semi-dormiente prima di andare a lavoro), ho deciso di limitarmi all'acquisto di una palette di ombretti cotti che spero di aggredire selvaggiamente questa primavera.

Lato positivo della fiera è anche che molte aziende ti offrono dei campioni prova,  alcuni un pò troppo piccoli per farsi realmente un'idea, altri decisamente importanti.



Nel mio caso ecco un riassunto:

Matita occhi viola Zoeva: super scrivente e a lunga tenuta.
Matitone labbra Eva Garden color borgogna: confortevole, non secca assolutamente le labbra e la durata è più che valida.
Campioni Erboristica: troppo piccoli per avere davvero un risultato, ma posso dire che l'Emulsione Detergente Viso lascia il viso pulito e senza tracce di trucco (qualità che mi porterà sicuramente ad acquistare la taglia full size, al costo di circa 6 euro alla Coop, quando avrò terminato il prodotto che uso al momento).

Chiudo con la conferma che è un'esperienza che sicuramente rifarei (chissà l'anno prossimo...) e che queste occasioni, se un minimo si ha interesse per questo mondo, ti danno l'opportunità di scoprire nuovi prodotti, nuovi marchi o anche nuovi modi d'uso dello stesso prodotto.

Per me, se non si fosse capito, è stato bellissimo!

Ciao a tutte e alla prossima!